Home

La sofferenza è un segnale di allarme che va ascoltato. A volte è un dolore antico che ci sembra abbia sempre fatto parte di noi, oppure è un cambiamento di vita difficile da affrontare, un lutto, una separazione, la nascita di un bambino. Altre emerge un sintomo, un disturbo psicosomatico, attacchi di panico, pensieri ossessivi. 

Si può scegliere di dare ascolto a quella sofferenza, di accoglierla come un segnale, di dargli un senso e intraprendere un cammino che ha come obiettivo quello di riappropriarsi della propria vita. 

Identificare il problema e decidere di occuparsene è aver percorso la metà del cammino di cambiamento. Chiedere aiuto ad un professionista può essere un buon modo per camminare accompagnati da qualcuno che senza giudicare può invitarci a vedere dentro di noi, a dare un senso e a decidere della nostra vita.